Tag

, , , ,

Secondo l’ultima rapporto Global Beer Trends della Canadean, il consumo di birra a livello mondiale sarà superiore ai 2 miliardi di ettolitri nel 2013. Anche se il consumo di birra è stato colpito dalla crisi economica, la crescita a livello globale è ancora relativamente significativa. Canadean prevede un tasso medio annuo di crescita del 2,8% tra il 2009 e il 2015. Tuttavia, questa cifra globale maschera grandi differenze a livello regionale. In Asia il consumo di birra è destinato a crescere del 5% medio annuo tra il 2009 e il 2015. Anche il mercato africano della birra è destinato a crescere del 5% medio annuo e quello del Medio Oriente dovrebbe crescere ad tasso medio annuo del 5,5%, mentre l’America Latina dovrebbe crescere d un tasso medio annuo di poco superiore al 3%. Al contrario, il mercato dell’Europa orientale è destinato a crescere solo dell’1,5% medio annuo. Per il consumo di birra in America del Nord è previsto un tasso medio annuo di cerscita di appena lo 0,5%. L’aria pù depressa resta l’Europa occidentale che dovrebbe registrare un calo marginale.

La forte performance del mercato della birra in Asia porterà la regione a rappresentare il 38% del consumo totale di birra nel 2015. Il mercato asiatico è ovviamente dominato dalla Cina e Canadean prevede che nel 2015 il mercato cinese da solo rappresenterà oltre un quarto di tutti i consumi di birra nel mondo. In particolare il mercato cinese della birra dovrebbe raggiungere i 573 milioni di hl entro la fine del periodo di previsione, oltre il doppio di quello degli Stati Uniti, il secondo mercato della birra più grande al mondo. I dati del Canadean Global Trends Beer rivelano inoltre che Kazakistan, Vietnam, Angola e India sono tutti Paesi per i quali è prevista una crescita annuale con tassi a due cifre tra il 2009 e il 2015. Germania, Paesi Bassi, Canada, Francia e Regno Unito dovrebbero continuare a diminuire i propri consumi domestici e in Europa occidentale solo Finlandia, Italia, Norvegia, Portogallo e Spagna dovrebbero avere una crescita positiva.

 

Scarica Ora!!! Guida beverfood Birre Il mercato della birra russo è stato colpito duramente dalla crisi economica; il calo della fiducia dei consumatori a causa della crisi economica globale si è aggravato in conseguenza della triplicazione delle accise sulla birra. Questo mercato prima della crisi era cresciuto in modo elevato, con tassi medi annui di oltre l’11% tra il 1999 e il 2008. Tuttavia il 2009 ha visto un calo di quasi il 4%, che è stato aggravato da un ulteriore calo del 7% nel 2010. Canadean prevede che il mercato russo della birra tornerà a crescere, ma non ai livelli pre-crisi. Per il periodo dal 2011 al 2015, assumendo che non ci siano ulteriori aumento delle accise, o altre restrizioni legislative nelle vendite di birra, Canadean prevede un tasso medio annuo di crescita di poco meno del 4%.Canadean Beer Global Trends report include anche una classifica dei produttori leader a livello mondiale, secondo la quale i quattro più grandi gruppi birrari (AB-InBev, SABMiller, Heineken e Carlsberg) rappresentano oggi una quota combinata del 42% di tutta la birra venduta nel mondo.

 

Fonte Beverfood

Annunci