Tag

, , , ,

Dal 2005, anno di entrata in vigore della legge antifumo,  fumare è diventato un business, e non solo per i colossi del tabacco: i primi a scendere in campo sono stati proprio i ristoratori che, per soddisfare i clienti amanti delle bionde, hanno attrezzato i locali con apposite sale fumatori a norma di legge La prossima settimana Panorama Economy regala una guida ai ristoranti che hanno portato in tavola la tolleranza. Perché in Italia esistono oltre 400 locali dove il mangiar bene si coniuga con la licenza di fumare a tavola. Ma non tutti lo sanno.

Cinque anni fa, i ristoratori spendevano 20-25 mila euro per un impianto di aerazione pur di coccolare l’accanito fumatore. Ma il successo era assicurato. «È stato un investimento» spiegano dal ristorante I Matteoni di Milano «almeno nei primi tempi. Allora per i fumatori la cena accompagnata dalla sigaretta era concepita come un diritto, e i pochi locali con sala free smoking erano molto frequentati».

E ora che cosa succede? A distanza di anni c’è ancora molta confusione sulla legge anti-fumo. «Se prima ci si accaniva a difendere la propria condizione di fumatore, ora il divieto è vissuto dalla maggior parte degli italiani come un fatto normale» raccontano al ristorante Il San Lorenzo di Roma. «Nel 2005 avevamo un vantaggio economico del 50% rispetto a un locale no smoking, oggi c’è una flessione del 15-20%. Ma è pur sempre un investimento: basti pensare a un cliente che, pur non cenando nella sala fumatori, decida di fermarsi per il dopocena in compagnia di un sigaro e un buon bicchiere. In un’ora sola il guadagno è assicurato».

Inoltre fidelizzare i clienti, insomma, ha i suoi vantaggi. Lo sanno bene i ristoranti italiani che ancora continuano a investire nella sala fumatori. La maggior parte nel Nord Italia: la sola Lombardia ne conta 70, 50 l’Emilia-Romagna. Non è da meno il Lazio, con 80 ristoranti con sala fumatori a norma di legge. E non mancano le sorprese: la Campania è una delle regioni più forti del Sud, con ben 39 locali free smoking.

La guida di Panorama Economy è quindi un modo per fare incontrare la domanda e l’offerta e premiare quei ristoratori che hanno investito sulla tolleranza. E possono farla diventare un servizio per il proprio cliente. Attraverso questa guida si presentano. E i fumatori sapranno come e dove trovarli.

fonte

Annunci