Tag

, , , , , , ,

Mi è arrivato un graditissimo regalo natalizio dagli amici del birrificio Baladin, la versione jeroboam della Nora.

La birra, credo la conosciate tutti: Nora prende il nome dalla madre dei figli di Teo Musso ed è dedicata alla birra come si faceva nell’antico Egitto,  quindi un prodotto che vuole risalire alle origini  della storia della birra. E’ certamente una birra molto particolare, forse unica, all’interno del florilegio della  birrificazione mondiale; utilizza grano Kamut, già conosciuto e utilizzato dai faraoni, ed è speziata con mirra e zenzero. Il luppolo, obbligatorio per legge, è presente in percentuale minima per non alterare le sensazioni dell’originale storico (gli egizi non lo conoscevano, è stata un’introduzione tarda degli europei che lo usavano come conservante).

Non è insomma la biretta che vi aspettereste di accompagnare ad una pizza (probabilmente il peggior abbinamento di sempre per la birra in generale), ma, soprattutto nel mio caso, c’è da trovare il coraggio e la compagnia per aprire questa meraviglia da tre litri. Suggerimenti?

Annunci