Tag

, , , , , , , ,

Ho iniziato la degustazione precedente in media res, ma forse dovrei parlare anche del luogo dove si è svolta la degustazione, eravamo infatti nella cantinetta di Eataly, un nutrito gruppo di appassionati che avevano affollato il piccolo locale, gli abbinamenti sono stati accompagnati da salumi e formaggi umbri fornita da Eataly (niente di particolare a dire il vero).

Tutti probabilmente conoscete Eataly ma per i pochi che non lo sanno  Eat (mangiare in Inglese) + Italy = Eataly, è il primo supermarket di cibo d’eccellenza. Vendita e ristorazione al massimo della qualità con prodotti artigianali selezionati.

Il marchio riunisce un gruppo di piccole aziende che operano nei diversi comparti del settore enogastronomico, Eataly propone il meglio delle produzioni artigianali a prezzi avvicinabili, riducendo la catena distributiva dei prodotti e creando un rapporto diretto tra il produttore e il distributore finale, saltando i vari anelli intermedi della catena.

Ma torniamo al vino dopo il Montefalco 2007 siamo passati alla riserva 2005, 30 mesi di invecchiamento di cui 18 in botti piccole di Allier, stessi vitigni del precedente ma miglior selezione degli stessi, al naso emergono, oltre alla frutta rossa, note di spezie specialmente chiodi di garofano.

Arriviamo infine ai Sagrantini e partiamo dal “base” il Collepiano 2005 che si identifica con il vecchio nomignolo della collina di Montefalco, raggiunge 1 14,5 ed è costrituito al 100% di uve Sagrantino, sosta 10-12 in accaio, 12 mesi in barrique e fa altri 6 mesi in bottiglia, evidenti i sentori di cuoio, susine, more con percezioni mentolate; è un vino che può sostare a lungo nella vostra cantina

Ultimo il Sagrantino 25 anni (non è invecchiato 25 anni ma l’etichetta  celebrava i 25 anni dell’azienda ed è uscita in concomitanza con i primi tre bicchieri dati quindi, un poco per scaramanzia è rimasta. Fa 18 mesi in barrique;  dal colore rosso cupo, scuro, con riflessi granata ha un profumo ricco di sensazioni aromatiche,  note di frutta matura e di frutta secca con un gradevolmente speziato che riporta al Kentucky e alla camomilla.

Che dire 5 grandi vini, altri tre bicchieri a cena (e altri due che mi ero fatto alla degustazione precedente) e la mattina mi sono svegliato fresco come una rosa, la qualità conta

Immagine 003

Annunci